“Siamo stati i primi a riconoscere che il sacrificio che hanno fatto i veneti dovesse essere… poi ri… stato, fosse… dovesse essere stato. Fosse stato… vabbè, mi sono incasinato coi verbi”. Piccolo intoppo linguistico in diretta Facebook, nel consueto appuntamento quotidiano sulla situazione coronavirus in Veneto, per il presidente della Regione, Luca Zaia. L’esponente della Lega ha tentato di recuperare con un “lo devo dire con il condizionale giusto”. Peccato che si trattasse di congiuntivo.

Video Twitter/Giulia Siviero

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Franceschini: “Chiusi cinema e teatri per ridurre la mobilità. Proteste? Credo che non si siano capiti la gravità della crisi e i rischi del contagio”

next
Articolo Successivo

L’appello di Franceschini ai big della cultura: “Date un contributo per la coesione sociale. Non è il tempo delle divisioni”

next