Nel giorno della firma del nuovo Dpcm per frenare i contagi, l’Italia sfonda quota 20mila casi giornalieri: sono 21.273 i nuovi positivi, con un numero di tamponi (161mila) in calo rispetto ai giorni precedenti (oltre 15.700 test in meno di sabato). Il bollettino del ministero della Salute riporta altri 128 morti, mentre continua ad aumentare la pressione sugli ospedali: 719 ricoverati in più in un solo giorno, con il totale che supera quota 12mila. I pazienti in terapia intensiva sono invece 1208 (+80 nelle ultime 24 ore). La Lombardia supera quota 5mila contagi, arrivando a 5.762 nuovi casi accertati oggi. Un nuovo record lo fa segnare anche la Campania, seconda regione per numero di positivi: sono 2.590 quelli registrati in un giorno.

Rispetto ai dati di sabato, i nuovi contagi giornalieri salgono di 1629 unità raggiungendo il nuovo picco da inizio pandemia. Impressiona il confronto con una settimana fa: il 18 ottobre i nuovi casi accertati erano 11.705 (con 146mila tamponi), quasi la metà. Così come c’erano 5mila persone in meno ricoverate in ospedale. La regione con più persone ospedalizzate resta sempre la Lombardia: sono 2326 (+173 in 24 h). All’interno della regione la maggior parte dei nuovi casi continuano a concentrarsi nel capoluogo: a Milano domenica ci sono 1217 nuovi contagi accertati che diventano 2589 considerano anche l’hinterland. Restano molti alti i positivi anche nella provincia di Varese: 907 in 24 ore.

Netto aumento di casi positivi e di tamponi nelle ultime 24 ore in Campania che registra 2590 casi su 16906 tamponi esaminati: ieri erano 1718 positivi su 12.530 tamponi. In regione ci sono 113 posti letto di terapia intensiva occupati e 1151 persone ricoverate. Sono tornati sopra quota duemila in nuovi casi anche in Piemonte: oggi ce ne sono stati 2.287, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Sono 11 i morti piemontesi. I ricoverati in terapia intensiva sono 94 (+6 rispetto a ieri). Quelli in regime ordinario 118 in più in 24 ore, per un totale di 1.601 posti letto occupati. La quarta regione per numero di casi diventa la Toscana, che segna un altro preoccupante incremento: 1863 nuovi positivi oggi, dopo i 1526 di ieri.

Al contrario, diminuiscono i contagi accertati in Veneto e Lazio rispetto a sabato. Se nella Regione di Zaia sembra essere un effetto del calo del numero dei tamponi (oltre 5mila in meno), nel Lazio invece il numero dei test effettuati continuano a rimanere alto (oggi 21mila), mentre i contagi passano da 1687 a 1541. In Emilia-Romagna oggi sono stati fatti quasi la metà dei tamponi rispetto a sabato, eppure il numero dei casi accertati è leggermente aumentato. Boom di positivi nelle Marche: dai 274 di ieri ai 521 odierni, quasi raddoppiati. Anche la Provincia di Bolzano supera i 300 casi: 339 in 24 ore, sabato erano 277.

I nuovi casi regione per regione
Lombardia 5.762 – ieri 4.959
Piemonte 2.287 – 1.548
Emilia-Romagna 1.192 – 1.180
Veneto 1.468 – 1.729
Lazio 1.541 – 1.687
Campania 2.590 – 1.718
Toscana 1.863 – 1.526
Liguria 657 – 1.035
Puglia 515 – 631
Sicilia 695 – 886
Marche 521 – 274
Trento 104 – 162
Friuli Venezia Giulia 334 – 412
Abruzzo 368 – 375
Sardegna 195 – 329
Bolzano 339 – 277
Umbria 463 – 525
Calabria 179 – 166
Valle d’Aosta 33 – 112
Basilicata 8 – 50
Molise 49 – 66

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I medici di base: “Le misure del dpcm? Ultimo tentativo, altrimenti lockdown inevitabile”. Gli ospedalieri: “Potrebbe non bastare”

next