Hanno aggredito un ragazzo di 22 anni originario del Burkina Faso con un machete, mentre gli gridavano: “Tornate al tuo Paese, qui comandiamo noi”. Un uomo di 53 anni e i suoi due figli di 30 e 24 anni sono stati arrestati con l’accusa di tentato omicidio aggravato da discriminazione e odio razziale. Per i tre l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita dalla polizia, è stata emessa il 17 ottobre dal Gip del Tribunale di Modena. L’aggressione sarebbe invece avvenuta il 15 luglio in una strada di Modena, nella zona sud della città, dove uno dei tre uomini avrebbe preso il 22enne a bastonate in testa, mentre un altro lo avrebbe colpito con il machete, accoltellando a un braccio e gridandogli intanto offese razziste. Si tratterebbe, secondo quanto accertato dalle indagini della squadra mobile, di una spedizione punitiva. Il ragazzo probabilmente sarebbe stato preso di mira perché conosceva alcuni marocchini con cui gli aggressori avevano un conto in sospeso, ma la sua unica “colpa”, spiegano gli investigatori, sarebbe quella di essersi trovato “nel posto sbagliato al momento sbagliato”. Il giovane avrebbe tentato di difendersi dai colpi di machete e per questo sarebbe stato ferito soltanto al braccio e non in parti letali. Ma al momento, dopo un’operazione, non ha ancora recuperato la piena funzionalità dell’arto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Investe un cinghiale sulla strada, 21enne muore in un incidente d’auto a Cremona

next
Articolo Successivo

De Girolamo positiva: aveva seguito l’udienza del processo in cui è imputata a Benevento. Corsa al tampone per i presenti in aula

next