Smartworking, aziende chiuse un ordine chiaro per tutti i tre milioni di abitanti: restare a casa. Il Galles ha deciso di introdurre 17 giorni di rigido lockdown dalle 17 di venerdì 23 ottobre fino al 9 novembre, nel tentativo di frenare l’avanzata dei contagi da coronavirus. Cardiff torna così alle regole già imposte a marzo, durante il picco della prima ondata, imponendo restrizioni che oggi sono le più severe di tutto il Regno Unito.

A partire dalle 18 ora locale di venerdì, sarà chiesto ai cittadini di rimanere a casa, mentre le attività non essenziali saranno chiuse. Ad annunciare le restrizioni è stato il primo ministro gallese, Mark Drakefors, sperando che possano creare uno choc “breve ma intenso” per frenare l’aumento dei positivi, che sono stati più di 9mila dal 4 al 17 ottobre. Senza le misure, ha aggiunto Drakefors, il sistema sanitario nazionale non sarà in grado di fare fronte all’emergenza con la conseguenza di un numero maggiore di vittime.

I contagi – Oggi la Public Health Wales ha riportato 950 nuove infezioni, portando il numero totale di casi a 35.628 in una nazione con poco più di 3 milioni di abitanti. Sono stati segnalati anche altri tre decessi, portando il numero totale di vittime a 1.711. “Questo è il momento di lottare insieme – ha detto Drakeford – Facendo affidamento solo sulla polizia e le forze dell’ordine per uscire da questo periodo, non ce la faremo”.

Le misure – Saranno simili a quelle adottate all’inizio dell’anno con lo scoppio della pandemia, con la chiusura di tutte le attività commerciali, di quelle per il tempo libero, dell’ospitalità e del turismo non essenziali, insieme a centri sociali, biblioteche e centri di riciclaggio. Saranno chiusi anche i luoghi di culto tranne che per funerali o cerimonie nuziali. Le strutture per l’infanzia rimarranno aperte, insieme alla riapertura delle scuole primarie e specialistiche dopo la pausa di metà semestre.

Sarà vietato incontrarsi all’interno o all’esterno con persone al di fuori del proprio nucleo familiare, ad eccezione di coloro che vivono da soli. Drakeford ha sottolineato che i lavoratori essenziali che vivono su entrambi i lati del confine tra Inghilterra e Galles potranno continuare a lavorare e le aziende colpite dal lockdown verranno supportate da un pacchetto da 294 milioni di sterline. L’obiettivo, ha detto il primo ministro, è quello di “far passare al popolo gallese un Natale senza restrizioni di questo tipo: sono già 800 le persone attualmente ricoverate a causa del virus, con alcune che necessitano di cure critiche”.

(immagine d’archivio)

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, nel Regno Unito ‘winter is coming’: certi inverni non si possono sottovalutare

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Uk: oltre 18mila contagi. In Francia 13mila. Brigitte Macron in isolamento. In Belgio “abbiamo perso il controllo”

next