Quattro persone sono state arrestate dalla polizia di Stato Varese con l’accusa di traffico internazionale di armi da guerra. LapPolizia, coordinata dalla Direzione centrale della polizia di prevenzione-Ucidigos, tra appartamenti e cantine riferibili agli arrestati in Lombardia ha sequestrato un arsenale da oltre 50 pezzi tra mitragliatori, fucili d’assalto, carabine e pistole. Non solo, grazie alle indagini coordinate dalla Procura di Busto Arsizio sono stati sequestrati anche 14 manufatti esplosivi, granate, numerosi pezzi di armi, serbatoi per cartucce oltre a 10 mila munizioni di vario calibro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’addestramento dei cani molecolari per rintracciare i positivi: “Sentono la differenza tra un corpo sano e uno malato”

next
Articolo Successivo

Vaticano, un caso Covid nella residenza di Papa Francesco: “Asintomatico, in isolamento”

next