Una canzone cantata senza mascherina, in barba alle norme anti-Covid, sotto i torricini di Urbino, quelli, per dire, che hanno visto la nascita di Raffaello, circondato da fotografi, abitanti e anche dal sindaco della città, Maurizio Gambini, del centrodestra. Vittorio Sgarbi torna a far parlare di sè, e viola, di nuovo, le regole. La visita del critico d’arte in città ha attirato anche l’interesse dell’opposizione. Mario Rosati, consigliere comunale e capogruppo della minoranza, condividendo una foto di Sgarbi senza protezione di fianco al primo cittadin (questa volta al chiuso), ha sottolineato: “Pugno duro con tutti, ma agli amici è permesso sputacchiare liberamente. Gambini ha applicato in anticipo la chiusura dei locali ma lascia rappresentarsi da chi si fa beffa delle norme anti-Covid più elementari”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fontana: “Sono meno preoccupato rispetto a marzo e credo possano esserlo anche i lombardi”

next
Articolo Successivo

Covid, De Luca: “Con questi numeri, le mezze misure non servono più. Sono necessarie decisioni forti adesso”

next