L’Autorità di regolazione trasporti (Art) ha diffuso il suo parere sul piano di investimenti e gli aumenti dei pedaggi presentato da Autostrade al ministero. Il documento segnala alcune criticità nelle richieste avanzate da Aspi. In particolare la società propone incrementi ai caselli dell’1,75% l’anno nel prossimi quinquennio. ART suggerisce che questo incremento venga considerato come limite massimo consentito piuttosto che come aumento “perdeterminato”. L’Autorità calcola infatti che per compensare le spese di ordinaria manutenzione nuovi investimenti siano sufficienti ritocchi nell’ordine dell’1,08%. Art ridimensiona anche l’entità dei danni da Covid che la società può scaricare sugli utenti. Aspi ha chiesto di poter recuperare attraverso le tariffe 532 milioni di euro, secondo l’Autorità il ristoro dovrebbe fermarsi a 332 milioni. Tuttavia Art accetta la classificazione degli interventi prospettati nel piano di Aspi come manutenzione evolutiva, ossia che migliorano la qualità dell’infrastruttura, che quindi danno diritto al concessionario a procedere con gli aumenti al casello.

Sull‘entità degli investimenti previsti nel piano alcune riserve erano state espresse dalla Direzione generale per la vigilanza sulle concessioni autostradali che, a differenza di Art, fa capo al ministero. In particolare gli investimenti per le tratte liguri sono stati valutati circa la metà rispetto a quelli che sarebbero necessari. Il documento Art è passaggio obbligano ma non costituisce l’atto finale della trattativa tra la società e il governo. Fornisce al Ministero dei Trasporti ulteriori elementi per chiudere la partita. Vedremo se il governo vorrà insistere su queste cifre o se prevarrà la necessità di chiudere quella che rimane la vera partita Autostrade.

Lunedì prossimo Cassa depositi e prestiti dovrebbe infatti presentare alla controllante Atlantia la sua proposta vincolante per acquistare l’88% di Autostrade per l’Italia. Naturalmente il nodo è quello del prezzo che varia anche in relazione alla famosa manleva. Ossia la disponibilità di Atlantia di farsi carico di eventuali nuovi risarcimenti decisi dai tribunali in relazione al crollo del ponte Morandi. Alla fine la valutazione delle Autostrade dovrebbe oscillare tra gli 8 e 10 miliardi di euro. Significa che i Benetton (che hanno il 30% di Atlantia) incasserebbero un assegno tra i 2,4 e i 3 miliardi di euro. Ad affiancare Cdp nell’acquisto ci sarà quasi certamente il fondo statunitense Blackstone e forse il fondo infrastrutturale italiano F2i. Altri potenziali investitori stanno “annusando” l’operazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, ecco perché molti poveri restano esclusi (anche secondo l’Inps). E che cosa bisogna cambiare per renderlo più equo

next
Articolo Successivo

L’analisi: “Con il piano cashless si possono recuperare in quattro anni 3,1 miliardi di sommerso: 1,4 euro per ogni transazione”

next