“La situazione in Francia e Belgio è molto grave. Gli spostamenti costituiscono un pericolo. Strasburgo rimane la sede dell’Europarlamento e faremo di tutto per tornare”. Così il presidente dell’Europarlamento David Sassoli annuncia su Twitter che la plenaria prevista per la settimana prossima “non si svolgerà a Strasburgo, ma sarà in remoto” a causa del cospicuo aumento dei contagi.

L’aumento dei casi – In Belgio tra il 4 e il 10 ottobre ci sono stati in media 5.057 contagi al giorno: in pratica, una crescita del 93% rispetto al precedente periodo di sette giorni, mentre venerdì scorso è stato registrato il picco di 7.030. Grave la situazione anche in Francia che ieri ha comunicato ulteriori 22.591 casi di Covid-19 nelle ultime 24 re, per un totale di 779.063 casi confermati. In netto aumento negli ultimi giorni i ricoveri in rianimazione (193), che portano il totale a 1.664. I morti in un giorno sono stati 104, anch’essi in aumento dopo che martedì erano stati 87, portando il totale a 33.037.

Per Tiziana Beghin, capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo, “la decisione di cancellare la sessione plenaria di Strasburgo, prevista per la settimana prossima, è una soluzione saggia e l’unica possibile. Purtroppo la situazione epidemiologica in quasi tutta Europa non consente gli spostamenti. Non avrebbe senso – aggiunge – mettere a rischio la salute di centinaia di dipendenti e funzionari del Parlamento europeo mentre si chiede responsabilità ai cittadini e mentre le autorità pubbliche annunciano nuove e più restrittive misure di contenimento del Coronavirus“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aiuti di Stato, la Ue proroga il liberi tutti fino al 30 giugno. Vestager: “Ma ora i governi dicano come stanno spendendo quei soldi”

next
Articolo Successivo

El Pais: “La Spagna rinuncia (per ora) ai prestiti del Recovery fund, prenderà solo le sovvenzioni. Portogallo e Italia ci pensano”

next