Minacce di morte solo per aver richiesto un tampone per una bambina di 4 anni che presentava sintomi simili a quelli del coronavirus. A denunciare l’episodio è stata una pediatra di Roseto degli Abruzzi, in provincia di Teramo, che è stata aggredita verbalmente dal padre della piccola che, al telefono, l’ha minacciata: “Adesso vengo nel suo studio, prima la trito come il sale fino e poi l’ammazzo. Il coronavirus non esiste. Idiota”, sono state le parole dell’uomo secondo quanto raccontato dalla donna a Il Messaggero.

“La bimba ieri mattina aveva febbre a 37.5, tosse e rinorrea. Avvisaglie che fanno scattare il protocollo Covid-19“, ha spiegato la dottoressa che, a quel punto, ha pensato fosse necessario ordinare il test per la piccola, così da valutarne l’effettiva infezione da Covid. Ma quando la decisione è stata comunicata al padre, questo ha dato in escandescenza ricoprendo la donna di insulti e minacce.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In Italia c’è meno Covid perché siamo più puliti di francesi e spagnoli”. L’ultima dell’eurodeputato della Lega Angelo Ciocca

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Crisanti spiega i limiti del sistema di contact tracing: “L’alternativa più efficace è il network testing sperimentato a Vo’ Euganeo”

next