“Se non firmerai il nuovo contratto di collaborazione entro il 2 novembre a partire dal 3 novembre non potrai più consegnare con Deliveroo”. È questa la mail che Marco e i suoi colleghi ciclofattorini hanno ricevuto negli scorsi giorni dall’azienda di food deliverance. “Un ricatto” commenta il lavoratore che oggi ha partecipato alla giornata internazionale di protesta dei rider. A Milano si sono dati appuntamento alla stazione di Porta Genova dove insieme a Deliverance Milano e al Sindacato Networker hanno coperto con una croce il simbolo delle piattaforme sugli zaini del cibo. L’obiettivo della protesta è l’accordo sul contratto nazionale stipulato da Assodelivery e il sindacato Ugl. “Un accordo pirata” secondo i rider e bocciato anche dal ministero del Lavoro. “L’accordo raggira la legge Riders (128/2019) peggiora le nostre condizioni di lavoro e di vita – spiega il collettivo di rider Deliverance Milano – Con questo accordo le compagnie del delivery sono riuscite a mantenere il cottimo come modello retributivo, abbassando le paghe e aumentando le tratte di percorrenza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità privata, firmato il rinnovo del contratto: aumenti medi di 154 euro. Speranza: “Dopo 14 anni più diritti per 100mila lavoratori”

next
Articolo Successivo

Tirocini pagati con i fondi europei, in Sicilia quasi 6mila ragazzi in attesa dei soldi. La Regione: “Colpa dei passaggi burocratici”

next