“Se non firmerai il nuovo contratto di collaborazione entro il 2 novembre a partire dal 3 novembre non potrai più consegnare con Deliveroo”. È questa la mail che Marco e i suoi colleghi ciclofattorini hanno ricevuto negli scorsi giorni dall’azienda di food deliverance. “Un ricatto” commenta il lavoratore che oggi ha partecipato alla giornata internazionale di protesta dei rider. A Milano si sono dati appuntamento alla stazione di Porta Genova dove insieme a Deliverance Milano e al Sindacato Networker hanno coperto con una croce il simbolo delle piattaforme sugli zaini del cibo. L’obiettivo della protesta è l’accordo sul contratto nazionale stipulato da Assodelivery e il sindacato Ugl. “Un accordo pirata” secondo i rider e bocciato anche dal ministero del Lavoro. “L’accordo raggira la legge Riders (128/2019) peggiora le nostre condizioni di lavoro e di vita – spiega il collettivo di rider Deliverance Milano – Con questo accordo le compagnie del delivery sono riuscite a mantenere il cottimo come modello retributivo, abbassando le paghe e aumentando le tratte di percorrenza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità privata, firmato il rinnovo del contratto: aumenti medi di 154 euro. Speranza: “Dopo 14 anni più diritti per 100mila lavoratori”

next
Articolo Successivo

Tirocini pagati con i fondi europei, in Sicilia quasi 6mila ragazzi in attesa dei soldi. La Regione: “Colpa dei passaggi burocratici”

next