La magistratura ha aperto un’inchiesta sulla morte di un bambino di 10 mesi che ha ingerito una ventosa, parte di un giocattolo. E’ stata la Gazzetta del Sud a raccontare la storia che ha gettato nel dramma una famiglia di Villafranca Tirrena, in provincia di Messina. Da quanto ricostruito finora la madre del bimbo si stava apprestando a cambiare l’indumento intimo al figlio, quando il bambino ha preso tra le mani una ventosa, appartenente ad una clessidra giocattolo. L’oggetto è rimasto incastrato in gola. Una vicina di casa, infermiera di professione, è riuscita a levare la ventosa dalla gola, ma solo dopo qualche minuto. Il bambino è stato quindi trasportato dagli operatori del 118 in ambulanza al Policlinico universitario di Messina, e qui nel giro di un paio di ore è deceduto. Nel fascicolo aperto dalla Procura risultano indagati per omicidio colposo entrambi i genitori, che sono già stati interrogati dalla polizia giudiziaria ed hanno fornito i dettagli sull’episodio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Arcuri: “Numeri del contagio ancora gestibili, ma cresceranno. Siamo attrezzati per eventuale seconda ondata”

next
Articolo Successivo

Scontro Sileri-Cts, il viceministro: “Dal Comitato troppa burocrazia”. La replica: “Critiche avventate e superficiali”

next