“Sono tre anni che lanciamo l’allarme sulle periferia, ed è un allarme che sta modificando allarmi e relazioni”, così Gianpiero Cioffredi, presidente dell’Osservatorio sulla legalità e la sicurezza nel Lazio durante la presentazione del rapporto sulle mafie nella Regione. “Ci sono periferie in cui c’è un controllo sociale, in cui i gruppi di criminalità organizzata gestiscono le piazze di spaccio ricercando il consenso dei cittadini. C’è un elemento di forte accentuazione dell’identità – spiega ancora – I criminali che gestiscono le piazze di spaccio lavorano sull’identificazione di gruppo criminale, attraverso i tatuaggio, oppure attraverso l’uso sapiente dei social, e attraverso alcuni gruppi musicali che nei loro video fanno un’apologia delle piazze di spaccio”. E conclude: “E ci sono esponenti dei casamonica che sono manager dei cantanti di musica trap romana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafie nel Lazio, Zingaretti: “No all’omertà di chi non vuole riconoscere che ci sono. Ora mettere al riparo i soldi che arrivano dall’Europa”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, arrestato a Barcellona Vittorio Raso detto “Esaurito”: era latitante dal 2018

next