Dovrà essere risarcito con 150mila euro dalla ex moglie per avere mantenuto per una ventina d’anni i due figli che, come è emerso nel corso della separazione, in realtà non erano suoi. E’ la storia di un piccolo imprenditore dell’alta Umbria. A stabilire il risarcimento è stato il tribunale civile di Perugia. La notizia è riportata oggi dalla Nazione. “Tecnicamente è stato riconosciuto un danno endo-familiare legato al comportamento ritenuto illegittimo del coniuge per avere fatto credere all’altro che i figli fossero stati i suoi” ha spiegato all’agenzia Ansa il legale dell’uomo, l’avvocato Marcello Pecorari.

La coppia si era separata nei primi anni del 2000 e nell’ambito della procedura era stato assegnato al padre il mantenimento dei due figli, ora maggiorenni. Nel corso della procedura è stato inoltre eseguito il test del Dna che ha portato al disconoscimento formale della paternità, nel 2018. Di qui la decisione del tribunale civile, in primo grado, di disporre il risarcimento di 150mila euro per il mantenimento dei figli durato una ventina d’anni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Otto anni e tre mesi per notificare una sentenza di condanna per la ricettazione di un assegno

next
Articolo Successivo

Caso Gregoretti, Giulia Bongiorno esce dal tribunale in sedia a rotelle dopo l’infortunio in aula. Con lei Matteo Salvini

next