“Non so come si dica in inglese ‘presa per il culo’. Per un’ora è rimasta infortunata, poi si è messa a correre come non mai per tutto il campo”. Sono le parole di Sara Errani dopo la sconfitta al Roland Garros contro la numero 8 al mondo, Kiki Bertens, col punteggio di 6-7, 6-3, 7-9. La giocatrice olandese, nel corso della partita, è ricorsa al trattamento del fisioterapista per un dolore sia al braccio destro sia alla gamba sinistra. “Non si è comportata bene. Se deve vincere che vinca, ma senza fare tante sceneggiate”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roland Garros, Matteo Berrettini interrotto più volte in conferenza stampa dallo speaker la prende con ironia: “Mortacci vostra”

next