Il governo lavora per evitare nuovi lockdown e la linea è quella della “massima prudenza“. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, in visita allo stabilimento Sanofi di Anagni, dove partirà la produzione del vaccino anti-Covid a cui stanno lavorando in collaborazione le multinazionali Sanofi e Gsk, predica cautela e attenzione per non vanificare il lavoro fatto negli ultimi mesi: “Oggi i numeri dell’Italia sono di gran lunga migliori rispetto a quelli di altri paesi europei ma questo non deve assolutamente farci stare tranquilli. Dobbiamo tenere altissimo il livello di attenzione e monitorare passo per passo e territorio per territorio“. “Adegueremo le misure di volta in volta all’evoluzione epidemiologica che c’è nel paese”, spiega il ministro, che chiarisce come l’obiettivo è che “si evitino lockdown“.

Per questo “io sono sempre per la linea della massima prudenza e ho sempre mantenuto questa impostazione”, dice Speranza parlando della proroga dello stato di emergenza. Il governo, come ha annunciato il premier Giuseppe Conte, andrà in Parlamento a chiedere che sia prorogato fino al 31 gennaio 2021. “Credo che sia corretto che ne discuta il Parlamento e che se ne discuta nel governo perché in una grande democrazia si fa così”, aggiunge Speranza. Che fissa anche un’altra priorità: “In alcune regioni i test rapidi nelle scuole sono già partiti e l’auspicio è che nel giro di poco si possa partire dappertutto”.

Ci sono “le condizioni” per risolvere la carenza di vaccino antinfluenzale nelle farmacie; Speranza, in visita allo stabilimento Sanofi dove partirà la produzione del vaccino anti-Covid, deve però rispondere anche alle domande su un altro vaccino, quello contro l’influenza. È indicato come decisivo nella lotta autunnale al coronavirus, perché eviterebbe di intasare gli ospedali e di confondere i sintomi. Le preoccupazioni nascono dall’attuale indisponibilità di vaccino antinfluenzale nelle farmacie e la Fondazione Gimbe lunedì ha avvertito che “non bastano le 17 milioni di dosi” acquistate dalle Regioni: il rischio è che solo un italiano su tre potrà avere il vaccino antinfluenzale. “Le Regioni hanno fatto uno sforzo enorme che è consistito in un aumento del 70% delle dosi di vaccino antinfluenzale rispetto all’anno scorso. Io penso che dobbiamo affrontare e risolvere nel tempo più breve possibile anche la questione delle farmacie in condivisione con le Regioni. Secondo me ci sono le condizioni”, spiega Speranza.

Tornando al vaccino anti-Covid, il ministro aggiunge: “Tutta la comunità internazionale è al lavoro e l’auspicio è che potremo avere buone notizie in un tempo abbastanza breve, quel che è certo è che oggi dobbiamo investire con tutte le energie che abbiamo perché il vaccino e le cure sono la chiave vera per uscire da questa fase così difficile. Ma nei mesi che ancora ci aspettano e in cui non avremo ancora il vaccino Covid o cure validate abbiamo bisogno del comportamento corretto delle persone, perché la chiave che ci ha consentito di piegare la curva nei mesi precedenti è esattamente questa”. In conclusione, Speranza commenta anche la situazione della Serie A: “Penso che ci sono dei protocolli che dobbiamo rispettare, abbiamo regole molto ferme e rigorose che ci hanno consentito di fare ripartire il campionato di calcio. Io ho una posizione molto rigida sulla partecipazione del pubblico. Dobbiamo essere molto attenti e le indicazioni del Cts devono essere rispettate da tutti”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Decreti sicurezza, Conte: “Lunedì in Cdm. Cambiato idea? No, non ho a cuore gli slogan. L’obiettivo è la protezione di cittadini e migranti”

next