Una coda di macchine lunga circa due chilometri. “Circa 5-6 ore di attesa”, secondo fonti della stessa Asl Roma 2, “solo perché in molti desistono”. È la situazione presentatasi questa mattina, attorno alle ore 10, presso l’ex mattatoio di viale Palmiro Togliatti a Roma, dove l’azienda sanitaria più popolosa d’Italia ha allestito un’area per i cosiddetti “tamponi drive-in”. Da giorni, le strutture mobili messe a disposizione dalla Regione Lazio sono letteralmente prese d’assalto, un po’ a causa dei primi raffreddori dovuti allo sbalzo termico dello scorso week-end, ma soprattutto in virtù delle procedure scolastiche che impongono ai genitori di casi “sospetti” di prelevare bambini e ragazzi dagli istituti e di portarli a svolgere un tampone, molecolare o rapido antigenico che sia (la coda fuori dalle strutture è unica). Senza dimenticare che il Lazio, e Roma in particolare, da settimane sono in cima alla classifica italiana dei contagi giornalieri. Nella giornata di martedì, si sono registrati 219 casi di cui 115 nella Capitale, con 3 decessi. Sul sito SaluteLazio.it sono elencati i 31 punti per i tamponi drive-in, di cui 2 pediatrici (per bimbi da 0 a 6 anni), usufruibili indistintamente dalla Asl di riferimento del paziente. L’ospedale San Giovanni ha inaugurato da poco anche un percorso a piedi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo di 46 giorni risulta positivo al Covid nel Veneziano durante un controllo pediatrico. Contagiati anche i genitori

next
Articolo Successivo

Bolzano, la linea dura del governatore Kompatscher: sospesi dalle scuole gli alunni senza mascherina

next