A quattro giorni dall’inizio del conflitto dell’area, che da anni non vedeva scontri di questa violenza, il Consiglio di sicurezza dell’Onu chiede, tanto alle forze armene quanto a quelle azere, di “fermare immediatamente i combattimenti” nella regione separatista del Nagorno-Karabakh, per “ridurre le tensioni e tornare a negoziati significativi senza ritardi”. Ma negoziare adesso, con la mediazione della Russia, è proprio quello che l’Armenia non vuole fare. Per Baku, al cui fianco si è schierata la Turchia, la regione al centro delle violenze, che è nel territorio dell’Azerbaijan, è stata occupata da Yerevan che ora si dice pronta anche a riconoscere l’indipendenza dell’autoproclamata repubblica Nagorno-Karabakh, cosa che fino a oggi non ha mai fatto.

Quel che è certo al momento, ha dichiarato il premier armeno Nikol Pashinyan, è che “non è appropriato parlare di un summit Armenia-Azerbaigian-Russia mentre sono in corso scontri”, perché “per i negoziati – ha detto – c’è bisogno di un’atmosfera adeguata”. Ha poi specificato che l’Armenia è sempre pronta a una soluzione pacifica. “Ma questo – ha aggiunto – non significa che l’Armenia o il Karabakh siano pronti a una soluzione del conflitto che leda i loro interessi nazionali o la loro sicurezza“.

Intanto il premier ha riferito che Yerevan sta valutando la possibilità di riconoscere l’indipendenza della regione. “Questa opzione è all’ordine del giorno. C’è anche la possibilità di firmare un accordo di cooperazione strategica tra l’Armenia e il Karabakh, c’è la possibilità di firmare un trattato di cooperazione nella sfera della sicurezza e della difesa”, ha detto Pashinyan durante un incontro con i giornalisti russi a Erevan. Le opzioni sono in discussione e le decisioni saranno prese “a seconda di alcuni fattori”, ha precisato.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Disney vuole licenziare 28mila lavoratori nei parchi di California e Florida: titolo perde il 2% a Wall Street

next
Articolo Successivo

Parigi, paura per il rumore di un’esplosione: ma è un caccia che ha infranto il muro del suono – Video

next