Nella regione indipendente Nagorno-Karabakh riprendono, dopo 30 anni, i combattimenti fra gli indipendentisti armeni e i soldati azeri. Il bilancio al momento è di circa 16 soldati armeni rimasti uccisi e un centinaio di feriti, anche tra i civili. Armeni e azeri tornano a combattere dal lontano 1988, quando questa piccola regione di circa 143 mila abitanti aveva deciso di non sottomettersi all’Azerbaijan per unirsi all’Armenia. Ora il pericolo è che si riaccenda un conflitto dietro il quale si nascondono i forti interessi di Turchia e Russia nel Caucaso. La controffensiva azera: i bombardamenti per neutralizzare i veicoli da combattimento armeni e i depositi di munizioni nel Nagorno-Karabakh.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tik Tok, un giudice blocca il bando voluto da Trump: la Casa Bianca pronta a fare ricorso

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Spagna prima in Europa per numero di contagi. Scattano restrizioni in Francia. Medico a Marsiglia: “Costretti a scegliere chi ricoverare”

next