Karl Marx, Karl Polany, e chissà quanti altri, banditi dall’insegnamento scolastico in Inghilterra. Almeno, questo dovrebbe essere l’effetto se si prendono alla lettera le linee guida del dipartimento per l’Istruzione, indirizzate giovedì scorso ad insegnanti e dirigenti scolastici e riprese dal quotidiano britannico The Guardian. Nel lungo documento l’anticapitalismo viene classificato come “posizione politica estrema”, al pari di antisemitismo, di chi si oppone alla libertà di espressione e/o approva attività illegali.

Pertanto il governo chiede alle scuole di non utilizzare materiali di organizzazioni che hanno espresso il desiderio di porre fine al capitalismo. “Le scuole, si legge nel documento, non dovrebbero in nessun caso utilizzare materiale prodotto da organizzazioni che assumono posizioni anticapitaliste. Questo anche nel caso che il materiale non abbia in sé contenuti estremi, poiché il suo utilizzo potrebbe in ogni caso sottintendere l’approvazione o implicare il supporto dell’organizzazione”.

L’esponente dell’opposizione John McDonnell ha rimarcato come “Su questa base diventerà illegale fare riferimento a larghi tratti della storia e della politica britannica, inclusa la la storia del socialismo britannico, del partito laburista e del sindacalismo, che in tempi diversi hanno sostenuto l’abolizione del capitalismo. Questo è un altro passo nella guerra culturale e questa deriva verso un autoritarismo conservatore estremo sta acquistando velocità e dovrebbe preoccupare chiunque creda nella democrazia”. L’avvocato Jessica Simor, esperta anche in diritti umani, ha sottolineato su twitter come lo stesso governo britannico non rispetti le linee che detta alle sue scuole,visto che continua a vendere armi da usare contro lo Yemen all’Arabia Saudita nonostante una sentenza abbia stabilito che queste operazioni sono illegali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pechino: “No all’acquisto di prodotti congelati da Paesi dove la pandemia è in corso”. Ma per l’Oms il cibo è sicuro

next
Articolo Successivo

Germania, la corsa dei Verdi non si ferma: conquistano l’ex capitale Bonn e altre due città del Nord Reno-Westfalia

next