Senza certificato medico non si entra a scuola. A mettere un punto ai dubbi di presidi, genitori e pediatri ci pensa il ministero della Salute. Con una circolare firmata dal direttore generale della prevenzione Giovanni Rezza e inviata a medici, Regioni, categorie economiche e sindacati, arriva il chiarimento tanto atteso e sollecitato nei giorni scorsi dal ministero dell’Istruzione. Sia in caso di positività al Covid 19 sia in caso di malattia diversa dal Coronavirus, l’alunno ma anche l’operatore scolastico che restano a casa possono rientrare in classe solo presentando un attestato del medico o del pediatra di libera scelta.

La circolare indica i comportamenti da tenere ipotizzando alcuni scenari possibili. Nel caso in cui un alunno o un insegnate dovessero essere dei casi sospetti, manifestando febbre oltre i 37,5 o sintomatologia “compatibile con il Covid 19”, sia a casa sia a scuola, il pediatra o il medico di medicina generale devono richiedere tempestivamente il tampone.

Se il test risulta positivo, si notifica il caso al Dipartimento di prevenzione che avvia la ricerca dei contatti e indica le azioni di sanificazione straordinaria della struttura scolastica nella sua parte interessata. “Per il rientro in comunità – cita la circolare – bisognerà attendere la guarigione secondo i criteri vigenti. Attualmente le indicazioni scientifiche prevedono l’effettuazione di due tamponi (test di biologia molecolare) a distanza di 24 ore l’uno dall’altro con un contestuale doppio negativo, cui potrà conseguire la conclusione dell’isolamento e l’inserimento in comunità. L’alunno/operatore scolastico rientrerà a scuola con attestazione di avvenuta guarigione e nulla osta all’ingresso o rientro in comunità”.

Altra situazione: nel caso in cui il test diagnostico fosse negativo, secondo sua precisa valutazione medica, il pediatra o il medico curante, valutano il percorso clinico/diagnostico più appropriato (eventuale ripetizione del test) e comunque l’opportunità dell’ingresso a scuola. Infine in caso di diagnosi di patologia diversa dal coronavirus, la persona deve restare a casa fino a guarigione clinica.

Sulla questione del certificato Rezza è molto chiaro: il paziente risultato positivo dovrà presentarsi a scuola, dopo la conferma di avvenuta guarigione, con “Attestazione di nulla osta all’ingresso o al rientro in comunità”. Così nel caso di tampone negativo e malattia diversa dal Covid il medico di famiglia o il pediatra di libera scelta dovrà “redigere una attestazione che l’alunno/operatore scolastico può rientrare a scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico- terapeutico e di prevenzione, come disposto da documenti nazionali e regionali”.

L’atto firmato dal direttore generale della prevenzione pone l’attenzione anche su un ulteriore scenario ovvero quello di uno studente o di un operatore scolastico che convivono con una persona positiva: “Su valutazione del Dipartimento di prevenzione – recita la circolare del ministero – sarà considerato contatto stretto e posto in quarantena. Eventuali suoi contatti stretti (esempio compagni di classe dell’alunno in quarantena), non necessitano di quarantena, a meno di successive valutazioni del Dipartimento di Prevenzione in seguito a positività di eventuali test diagnostici sul contatto stretto convivente di un caso”.

Un ultimo aspetto importante è quello dei tempi nell’effettuare i tamponi. Rezza specifica che “gli operatori scolastici e gli alunni hanno una priorità nell’esecuzione dei test diagnostici”. Una corsia preferenziale auspicata soprattutto dai pediatri e dai dirigenti scolastici. Ora le Regioni dovrebbero uniformarsi a questa direttiva ministeriale e metter fine alla babele di norme che differenziavano un territorio dall’altro creando confusione soprattutto nelle famiglie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La scuola ibrida è il futuro dell’innovazione educativa

next
Articolo Successivo

Studenti in piazza a Roma: “Piano per le scuole fallimentare, ci ascoltino”. Manifestano anche gli universitari: “Soldi Recovery siano per istruzione”

next