Lo sconto del 10% sull’importo pagato, ma anche una sorta di superpremio da tremila euro per i 100mila italiani che useranno maggiormente carta e bancomat. Anche per spese piccole e piccolissime. È il piano del governo per incentivare i pagamenti elettronici, che partirà a dicembre come previsto dal decreto Agosto. Dopo che il premier Giuseppe Conte ne ha parlato in un’intervista alla Stampa, fonti vicine a Palazzo Chigi hanno dato alcuni dettagli. Stando alle anticipazioni delle scorse settimane, il cashback varrà solo per le spese nei negozi fisici e non per quelle online. Inoltre, il governo sta lavorando per ottenere dagli acquirer, ovvero banche e istituti che si occupano di pagamenti elettronici, la disponibilità di portare a zero le commissioni per spese fino a 5 euro.

Il rimborso del 10% con tetto di 300 euro – Il progetto per incentivare gli italiani a usare il denaro elettronico sarà promosso grazie ai 3 miliardi di euro l’anno stanziati dall’esecutivo. Chi partecipa all’iniziativa beneficerà in tre modi: con il 10% di “cashback”, cioè un rimborso degli acquisti effettuati con moneta elettronica. Il massimale di spesa è di 3mila euro e il rimborso cashback massimo di 300 euro. Per cautela si è previsto che tutti i partecipanti raggiungeranno il massimo della spesa. Ma se non fosse cosi ci saranno più risorse per superare quella cifra. I rimborsi si potranno ottenere attraverso la App Io ma – in vista dell’emanazione del decreto attuativo – si sta studiando anche la possibilità di registrarsi attraverso il proprio banking online.

Premi per i 100mila che usano di più la carta – In più ci sarà il ‘super cashback’ cioè tremila euro di premio per i primi 100mila che usano maggiormente la carta. Per questo premio conterà il numero di operazioni, non la cifra finale. “5 caffè equivalgono a 5 borse di lusso“, sottolineano le fonti.

La lotteria degli scontrini – Infine 50 milioni di euro saranno distribuiti in premi con la Lotteria degli scontrini (solo con carta di pagamento). Alcuni premi singoli potranno arrivare a 5 milioni di euro. Le vincite saranno esentasse e il fisco avviserà i vincitori con una raccomandata. Stando alle anticipazioni, premi sono previsti anche per gli esercenti che accetteranno pagamenti elettronici e che sono incentivati a cambiare registratore di cassa con un credito d’imposta di 250 euro o ad aggiornarlo con uno sconto fiscale da 50 euro.

Zero commissioni fino a 5 euro – Il premier Conte lavora direttamente al progetto per incentivare i pagamenti elettronici. La settimana prossima vedrà i cosiddetti acquirer. Intanto, rivelano fonti di governo alle agenzie di stampa, ha già avviato un dialogo per arrivare ad abbassare in modo importante le commissioni. Ci sarà probabilmente da parte degli acquirer la disponibilità di portare a zero le commissioni per spese da 0 a 5 euro. Ovviamente, chiariscono le stesse fonti di governo all’Adnkronos, il tutto sarà rimesso alle singole iniziative, in modo da non violare le regole sulla concorrenza.

Le parole del premier Conte – Sulle norme per incentivare l’uso della moneta elettronica, Conte alla Stampa ha spiegato: “È una riforma su cui mi sono impegnato personalmente. Dal 1° dicembre è previsto un cashback, cioè un rimborso del 10% su quanto si spende, fino a una spesa massima di 3000 euro: più usi la carta e più guadagni. Ma non solo. Il famoso bonus befana, che da oggi si chiamerà super cashback, sarà di 3000 euro l’anno. Lo abbiamo ribattezzato così, perché – esattamente come il cashback – sarà rimborsato ogni sei mesi. I 100mila cittadini che useranno maggiormente la carta – cioè faranno più transazioni a prescindere dalla cifra spesa – avranno un rimborso di 3000 euro l’anno. Inoltre, ci saranno fino a 50 milioni di euro in palio con la lotteria degli scontrini, solo per chi usa la moneta elettronica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musk vs Trump. Tesla fa causa alla Casa Bianca per i dazi sull’import dalla Cina. Male in borsa

next
Articolo Successivo

Potenza e limiti della sovranità monetaria: la verità sulla teoria per cui i Paesi possono stampare il denaro che serve per finanziarsi

next