Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non le manda a dire al primo ministro britannico Boris Johnson che, in un recente Question Time alla Camera dei Comuni, aveva risposto alla domanda sul perché in Italia si fosse riusciti a contenere la seconda ondata sostenendo che il Regno Unito “è un Paese che ama la libertà”. “Anche noi italiani amiamo la libertà, ma abbiamo a cuore anche la serietà”, è stato il commento del capo dello Stato, intervenuto a Sassari a margine della cerimonia in ricordo di Francesco Cossiga, conversando con alcuni partecipanti alle celebrazioni.

Proprio ieri, al premier britannico era stato chiesto dallo speaker della Camera, Ben Bradshaw, dei Labour, come mai in Italia e in Germania la percentuale dei contagi si mantenga più bassa di quella nazionale: “Potrebbe essere che abbiano un sistema di test e di tracciamento pubblico e a livello territoriale che funzioni per davvero”, aveva insinuato. Parole che hanno provocato le dichiarazioni di Johnson sull’Italia: “C’è un’importante differenza tra il nostro Paese e il resto del mondo – ha dichiarato l’inquilino del 10 di Downing Street – Ci sono Paesi che amano la libertà e se guardate alla storia di questo Paese negli ultimi 300 anni è sempre stato all’avanguardia per libertà di pensiero e democrazia. È difficile costringere il nostro popolo a obbedire in modo uniforme alle linee guida considerate indispensabili”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Fico: “Basta con guerre intestine. Serve collegialità, alcuni problemi derivano da verticismo troppo spinto che c’è stato”

next
Articolo Successivo

M5s, i tre scenari che Crimi ha presentato ai parlamentari: dal voto online per la leadership al percorso per gli Stati generali

next