Con oltre 80milioni di accessi annuali, rappresentavano il 90% della pirateria online in Italia: 58 siti web illegali, oltre 250 domini web di secondo e terzo livello e 18 canali Telegram sono stati così oscurati dalla Guardia di Finanza di Gorizia. Il provvedimento è l’esito di un’articolata indagine contro i centri di diffusione illegale in Rete di contenuti multimediali e, in generale, di prodotti editoriali coperti dal diritto d’autore, ed è stato stabilito dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Gorizia.

Tra i siti oscurati dalle forze dell’ordine vi è quello che per analisi di ‘traffico’ e per contenuti divulgati è stato catalogato quale punto di riferimento in ambito nazionale per la diffusione di guide, software e metodologie informatiche utilizzabili per ottenere (su diverse piattaforme) l’accesso ai contenuti multimediali protetti dalle leggi sul diritto d’autore. A far scattare le indagini sono stati alcuni approfondimenti svolti nei confronti di un uomo, nascosto sotto il nickname di Diabolik: sono partite dal dal Friuli Venezia Giulia e si sono estese anche in Puglia, in Emilia Romagna e all’estero, in particolare in Germania, Olanda e Stati Uniti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pacco bomba indirizzato al presidente di Confindustria Brescia: Giuseppe Pasini messo sotto scorta

next
Articolo Successivo

Frode fiscale, blitz a Reggio Emilia: 51 misure cautelari e 24 milioni sequestrati. Gli indagati: “Cosa facciamo? Produciamo soldi”

next