Scende nel 2020 la spesa delle aziende private italiane in ricerca e sviluppo (R&S). Le somme destinate a questa voce dovrebbero risultare a fine anni inferiori del 4,7% rispetto al 2019. La spesa di soggetti pubblici dovrebbe invece aumentare del 3%. Sono le previsioni contenute nel report dell’Istat “Ricerca e sviluppo in Italia”, per gli anni 2018-2020. Alla base della frenata c’è naturalmente la situazione che si è prodotta con la pandemia. A preoccupare non è infatti tanto il prevedibile calo del 2020, quanto il fatto che la spesa sia stabilmente inferiore rispetto a quella dei principali concorrenti europei. Una tendenza dovuta anche alle dimensioni mediamente piccole delle imprese privati italiane ma che finisce per generare un basso valore aggiunto delle produzioni. E quindi, anche la necessità di calmierare le retribuzioni per fare leva su un costo del lavoro relativamente basso.

Sempre secondo l’Istat nel 2018 la spesa complessiva in R&S è stata pari a circa 25,2 miliardi di euro, ossia l’1,43% del nostro Prodotto interno lordo. Il 63% di questa somma (16 mld) è riconducibile ad aziende private, il resto a soggetti pubblici o stranieri. Il dato complessivo si confronta con una media europea di circa il 2% e con valori vicini o superiori al 3% di Stati Uniti e Giappone. La spesa tedesca è, a sua volta, di poco superiore al 3%, il doppio di quella italiana,la Francia si ferma al 2,2%, la Svezia sale fino al 3,3%. Due euro su tre della spesa italiana si concentrano in sole cinque regioni: Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio. Nessuna azienda italiana compare tra le prime 10 imprese europee per ricerca e sviluppo. E la gran parte della spesa si concentra in una manciata di aziende (Telecom, Leonardo, Eni, Enel, Fincantieri), per lo più a partecipazione pubblica.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La vendetta del vecchio vinile: dopo 34 anni sorpasso di vendite sui CD. Domina lo streaming

next
Articolo Successivo

Crollano le borse europee, corsa verso dollaro e titoli di stato Usa. Scandalo riciclaggio per Hsbc e Deutsche Bank

next