Ricerca in stand by, fondi assenti e studi bloccati. “Chiediamo risposte immediate da parte dei Governi, perché gli Istituti di ricerca e i ricercatori impegnati nel campo della demenza ricevano il supporto economico necessario a riprendere le attività in corso e avviarne di nuove”. A lanciare l’allarme è la Federazione italiana Alzheimer, che – nel giornata mondiale dedicata alla malattia – si unisce alla call to action di Alzheimer Europe e Alzheimer’s Disease International, chiedendo “un’azione urgente per affrontare l’impatto del Covid-19 sulla ricerca per la demenza”.

“La pandemia ha avuto effetti su tutti gli aspetti della nostra vita, allentando e bloccando molte attività tra cui anche quelle dei laboratori di ricerca sulla demenza”, ricorda la federazione. “Le restrizioni fisiche hanno tenuto lontani i ricercatori dai laboratori, mettendo in stand by alcuni progetti, e molti dei fondi disponibili sono stati convogliati sulla ricerca per Covid-19. Questo ha portato a rallentare, se non a bloccare, molti degli studi in corso dedicati alla diagnosi e prevenzione della demenza”.

Su Facebook la senatrice di Italia Viva Annamaria Parente, presidente della commissione permanente di Igiene e Sanità a Palazzo Madama, scrive: “Abbiamo fatto molti passi in avanti nella diagnosi precoce della malattia e nei percorsi di prevenzione. Tanti progressi bisogna fare ancora nell’individuazione di una cura efficace, nonostante esistano diverse strategie per rallentare la progressione dei sintomi e ridurre il carico assistenziale che ne consegue. La ricerca sta esplorando diverse strategie per bloccare all’origine, la formazione e la diffusione nel sistema nervoso centrale delle proteine alterate che caratterizzano la malattia di Alzheimer e, grazie a questo sforzo, ci aspettiamo interessanti novità negli anni a venire”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Due ragazzi aggrediti e insultati a Padova per un bacio. Ferito alla testa un amico che ha provato a difenderli

next