Si sono dati un bacio mentre passeggiavano mano nella mano nel centro di Padova. Subito dopo una coppia di due giovani, un 21enne originario di Mestre e un 26enne di Padova, è stata aggredita e insultata da un gruppo formato da quattro ragazzi e due ragazze. Un amico della coppia, che è intervenuto per difenderli, è stato colpito alla testa con un bicchiere di vetro e si è dovuto sottoporre alle cure dei sanitari per suturare la ferita.

Il giovane ferito e i due ragazzi hanno formalizzato la denuncia e hanno raccontato l’aggressione omofoba, accaduta venerdì 18 settembre, con un video sui social. Secondo il loro racconto, a scatenare il branco sarebbe stato il bacio che i due si sono scambiati nelle vie del centro, proprio davanti al Municipio. A intervenire sono stati per primi i vigili urbani che presidiano la sede del Comune e successivamente i carabinieri. Gli investigatori stanno visionando le immagini delle telecamere per identificare i componenti del gruppo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Cacciamoli”. A Milano il flashmob contro Regione e Comune delle Brigate volontarie, che aiutarono i cittadini durante il lockdown

next
Articolo Successivo

L’allarme della Federazione Alzheimer: “Fondi e studi bloccati, il Covid ha messo in stand by la ricerca sulla demenza”

next