Il virus non ferma il referendum e anche nei reparti Covid degli ospedali italiani i pazienti stanno votando da ieri. Scrutatori e presidenti di seggio vestiti come i medici nelle terapie intensive: doppi guanti, mascherina ffp2, occhiali, calzari e tuta anti-contagio. “Certo sarà una sensazione strana per gli elettori”, racconta il presidente di un seggio prima di entrare nel reparto all’ospedale di Varese, “ma sono preparati e noi non abbiamo paura”. “Un voto sicuro” assicura il professor Francesco Dentali, direttore del reparto di Medicina ad alta intensità dell’ospedale di Circolo: “Abbiamo fornito i migliori dispositivi di sicurezza per permettere loro di lavorare in totale tranquillità”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uccide il figlio di 11 anni e si suicida: “Ha aspettato che il bambino si addormentasse”. Aveva annunciato tutto su Facebook

next
Articolo Successivo

Fotografa il suo ‘Sì’ al referendum ma viene scoperto: “Altrimenti la mia ragazza non mi crede”. Denunciato 35enne nel Milanese

next