Una nuova lettera è arrivata dal carcere di Tora, alle porte del Cairo, da Patrick George Zaki, studente egiziano dell’Università di Bologna. Zaki è in carcere da sette mesi con diverse accuse, tra cui propaganda sovversiva e istigazione alla violenza. Il fermo è stato poi trasformato in arresto e prorogato, l’ultima volta a fine luglio, senza che sia ancora stata fissata una scadenza per la detenzione. La lettera, scritta in arabo, è stata diffusa su Twitter dagli attivisti della campagna “Free Patrick”. Zaki chiede la data d’inizio del semestre accademico dell’Università di Bologna, mostrando il desiderio di poter tornare a frequentare l’Alma Mater. Il giovane chiede anche di conoscere quando si terrà la prossima udienza del processo a suo carico.

Secondo gli avvocati di Zaki, la prossima udienza dovrebbe svolgersi nei prossimi giorni, “in qualsiasi giorno degli ultimi dieci giorni di settembre”, come scrivono gli attivisti su Twitter. “Ma non ci sono informazioni precise, poiché stiamo aspettando che gli avvocati conoscano la data esatta” e questo avverrà “un giorno prima che si tenga l’udienza”, spiegano ancora. È stata invece confermata la data di inizio del semestre all’Università di Bologna, che inizierà il 27 settembre. “Patrick spera, e anche noi, di essere in grado di raggiungere i suoi colleghi e di tornare alla sua università”, scrive l’account Free Patrick.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Thailandia scende in piazza, traballa mito monarchia. I giovani sfidano il regime: oltre 20 mila in marcia per la democrazia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Madrid pronta al nuovo lockdown: restrizioni per 850mila persone. In Francia altri 10mila contagi in un giorno

next