Ha usufruito del permesso premio della durata di nove ore e ha incontrato ieri, in una località segreta, il figlio maggiorenne. È polemica per il beneficio concesso a uno dei mandanti dell’omicidio del giudice Rosario Livatino, l’ergastolano Giuseppe Montanti, 64 anni, di Canicattì, in provincia di Agrigento. Dopo 20 anni di carcere duro, il detenuto ha potuto lasciare il carcere e stare con un proprio familiare. Si tratta del primo permesso di cui ha usufruito dall’ergastolo – inflitto nel 1999 dalla Corte d’Assise di Caltanissetta – e dalla successiva latitanza.

“E’ forse un segnale che di questa concessione di beneficio si stia avendo notizia solo oggi a meno di una settimana dal trentennale del vile e barbaro omicidio mafioso di un valido servitore dello Stato”, ha commentato Enzo Gallo, cugino del giudice Livatino. Il permesso premio è stato concesso, dalla magistratura di Sorveglianza di Padova, proprio nella settimana delle commemorazioni per l’omicidio del giudice Livatino, avvenuto il 21 settembre del 1990. Montanti ha ottenuto il permesso anche grazie alla sentenza della Consulta di qualche mese fa sui reati ostativi e i permessi. Nel decreto del magistrato si fa proprio riferimento alla sentenza della Corte di Cassazione del 2020 in cui si afferma “la non necessità della confessione del reato per ottenere il permesso-premio“. Il dipartimento della amministrazione Penitenziaria (Dap), con nota del 30 aprile 2019, evidenziava che “non ha mai collaborato” e concludeva “che non si può escludere eventuale ulteriore collegamento con ambienti devianti esterni”.

Il magistrato di Sorveglianza di Padova ha anche chiesto parere alla Questura di Agrigento che ha messo nero su bianco (il 27 gennaio 2020) come l’organizzazione di Montanti, la Stidda, sia “sul piano organizzativo non del tutto disarticolata e tutt’ora operante nel territorio di Agrigento”. L’uomo venne arrestato dopo la condanna del 1999 e a seguito di un periodo di latitanza ad Acapulco, in Messico. La figlia era in viaggio di nozze ad Acapulco e gli agenti della sezione criminalità organizzata della polizia e della Squadra Mobile di Palermo che avevano seguito la coppia riuscirono ad intercettare l’uomo che era latitante dal 1994. Montanti veniva, allora, indicato da numerosi collaboratori come un esperto di esplosivi: ”Veniva contattato dalle cosche – hanno detto i pentiti – per confezionare ordigni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La “via” della droga e delle armi tra Italia e Francia: 14 arresti. Così fu agevolata la latitanza di un affilato della ‘ndrangheta

next