Nei primi mesi della pandemia, l’obiettivo della ricerca è stato quello di individuare trattamenti efficaci contro il Covid e studiare un vaccino. Ma ora, i medici stanno indagando quelli che possono essere i danni a lungo termine di una malattia come il Covid-19: un articolo pubblicato su Nature sostiene che gli effetti sono stati osservati a mesi di distanza non solo nei polmoni, ma anche nel cuore, nel sistema immunitario, perfino nel cervello.

Secondo i ricercatori “le prove di precedenti epidemie di questo tipo di virus, come la Sars, suggeriscono che questi effetti possono durare per anni“. Le conseguenze del Covid-19 possono interessare anche chi non ha sviluppato la malattia in forma grave, spiega l’articolo, per esempio sotto forma di “un malessere persistente simile alla sindrome da stanchezza cronica“.

I medici erano ben consapevoli che le infezioni virali potevano portare a malattie croniche, che ora si stanno studiando nel dettaglio. “All’inizio, tutto era acuto – afferma Helen Su, immunologa presso l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive a Bethesda, nel Maryland – ora stiamo riconoscendo che potrebbero esserci altri problemi. Per questo c’è un preciso bisogno di studi a lungo termine”, aggiunge.

Per questo, diversi ospedali del mondo stanno avviando studi di ‘follow-up’ su persone che erano state infettate dal Sars-Cov-2 per controllarne la salute nel lungo periodo. Nel Regno Unito, ad esempio, lo studio Post-Hospitalization Covid-19 mira a seguire 10mila pazienti per un anno, analizzando fattori clinici come esami del sangue e scansioni e raccogliendo dati sui biomarcatori. Uno studio simile su centinaia di persone e della durata di due anni è stato avviato negli Stati Uniti alla fine di luglio. “Abbiamo bisogno di linee guida cliniche su come dovrebbe essere questa cura dei sopravvissuti di Covid-19”, conclude Nahid Bhadelia, medico di malattie infettive presso la Boston University School of Medicine del Massachusetts. E, per farlo, serve “quantificare il problema”.

L’articolo completo su Nature

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salute, la medicina preventiva è per me la via maestra per ogni malattia. Vi spiego perché

next
Articolo Successivo

Addio a Nichi D’Amico, l’astrofisico è morto a 67 anni. “È stato un punto di riferimento per chi studia lo spazio, lascia grande un vuoto”

next