È furioso il ministro per le Politiche europee Vincenzo Amendola, coordinatore del Comitato interministeriale Affari europei, che ha annunciato in mattinata di aver sporto denuncia nel tentativo di individuare la “fonte anonima” che ha fatto arrivare sulle scrivanie di alcuni quotidiani italiani un primo, provvisorio documento con la lista dei 557 progetti presi in esame prima di essere presentati a Bruxelles per accedere ai fondi del Recovery Fund: “Questa mattina alcuni giornali e siti riportano un’elencazione di progetti per la definizione del Recovery plan italiano – ha dichiarato – Si tratta di schede ricevute da fonte anonima con l’unico intento di creare confusione e disinformazione“.

Questo, spiega, perché “i file pubblicati sono risalenti a uno stadio iniziale dei lavori con ipotesi e proposte già ampiamente superate. La presentazione ufficiale del progetto avverrà a gennaio 2021 e sarà a cura della Presidenza del Consiglio dei ministri”. Una precisazione che, comunque, si può ritrovare anche negli articoli delle testate che hanno deciso di diffondere la lista con i 557 progetti, per un valore totale di 677 miliardi di euro, più del triplo rispetto allo stanziamento deciso in sede di Consiglio Ue che consiste in 209 miliardi di euro. Si tratta infatti dei progetti presentati dai ministeri che dovranno passare dalla scrematura e dal confronto con la task force della Commissione Ue.

“Nel frattempo – aggiorna poi Amendola – la stesura del Piano di rilancio segue il cronoprogramma indicato, in costante confronto con Parlamento, enti locali e Regioni sulle linee guida, in attesa delle comunicazioni della Commissione europea. Per questi motivi ho sporto denuncia alla procura della Repubblica per individuare i responsabili della fuga di notizie”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il discorso di Decaro pro-Emiliano e l’aneddoto sul primo giorno da sindaco: ‘Una arrivò con una tanica di benzina, ricordai l’esempio di Michele…’

next