Server che lavorano a ciclo continuo per immagazzinare dati e richiedono tanta, tantissima energia: anche i colossi del web come Google inquinano. Ma il famoso motore di ricerca annuncia l’intenzione di diventare la prima grande compagnia a diventare completamente ‘carbon free’ entro il 2030: cioé a utilizzare solo fonti di energia pulita, senza emissioni di carbonio, per i suoi immensi data center e i campus di tutto il mondo.

Lo ha annunciato Il Ceo della società, Sundar Pichai, in un post sui social: “La scorsa settimana molti di noi si sono svegliati con un cielo arancione nella California settentrionale a causa degli incendi che continuano a imperversare. La scienza parla chiaro, il mondo deve attivarsi ora per evitare le peggiori conseguenze del cambiamento climatico”, aggiunge Pichai stimando che l’impegno ambientale di Google contribuirà a creare “oltre 10mila nuovi posti di lavoro per l’energia pulita e nei settori associati, negli Usa e nel resto del mondo, nei primi 5 anni”.

“Dal 2017 facciamo coincidere il nostro consumo complessivo di elettricità al 100% di energia rinnovabile. Ora vogliamo andare oltre: entro il 2030 intendiamo operare con energia priva di emissioni di carbonio ovunque, in ogni momento – aggiunge il Ceo di Google – Il primo passo sarà l’utilizzo di energia ‘carbon-free’ 24 ore su 24. Ciò significa che ogni email inviata su Gmail, ogni domanda posta al Motore di Ricerca, ogni video visto su YouTube, e ogni ricerca su Maps per trovare il percorso migliore utilizzeranno energia pulita in qualunque ora di qualunque giorno“.

Google si impegna inoltre a investire in tecnologie che aiutino i suoi utenti a fare scelte sostenibili. “Per esempio – spiega – stiamo investendo nelle aree industriali per rendere disponibili 5 gigawatt di nuova energia senza emissioni di carbonio, per aiutare 500 città a ridurre le proprie emissioni di carbonio e per trovare nuovi modi di aiutare 1 miliardo di persone attraverso i nostri prodotti”.

Google, nello specifico, si è impegnata ad “aiutare oltre 500 città e governi locali a ridurre le proprie emissioni di carbonio per un totale di 1 gigatone all’anno entro il 2030, l’equivalente delle emissioni di carbonio di un Paese grande come il Giappone“.

A luglio anche Apple ha annunciato la sua svolta ‘green’, impegnandosi a diventare totalmente ‘carbon free’ entro il 2030 in tutte le sue attività nella catena di fornitura della produzione e nel ciclo di vita del prodotto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trasporti, ecco come rendere a emissioni zero il settore entro il 2040. La roadmap verde: cambiamenti e banchi di prova (come il lavoro)

next
Articolo Successivo

Giustizia ambientale, effetti del carbonio sul clima e distribuzione delle risorse: ecco gli studi vincitori del Premio Balzan 2020

next