Sarà per il balletto su Berlusconi “asintomatico”, che poi annuncia di non avere più febbre e dolori. Sarà per le polemiche sulla catena del contagio che ha coinvolto una delle famiglie più potenti d’Italia; oppure per la narrazione da leone in gabbia che ha accompagnato il ricovero al San Raffaele (titolo del quotidiano Libero: “Silvio se ne frega: lavora pure con la febbre”).

Di fatto, c’è mezza Italia che guardando le immagini di Silvio Berlusconi appena dimesso – dopo una polmonite bilaterale – si chiede cosa ci sia dietro il “miracolo”. Cioè, come sia stato possibile che un (quasi) 84enne affetto da patologie croniche pregresse – dal cuore al diabete e dunque per definizione “fragile” – abbia archiviato il Covid in una decina di giorni; quando la maggioranza degli anziani della sua età non ce l’ha fatta proprio, diventando la vittima d’elezione nelle statistiche sulla mortalità da Coronavirus. L’età media dei pazienti deceduti e positivi a SARS-CoV-2 è 80 anni.

A detta dei sanitari che lo hanno curato, a partire dal suo medico personale Alberto Zangrillo, durante il ricovero non c’è stato nulla di diverso o di particolare rispetto alle terapie comunemente somministrate agli altri pazienti. Nessuna ossigeno terapia, nessuna sperimentazione di nuove cure. Dietro la “robusta risposta immunitaria”. i cicli di Remdesivir, l’unico farmaco antivirale finora autorizzato dagli enti regolatori per la cura di infezioni da virus Sars-Cov-2. Se usato in fase di esordio, risulta efficacia.

L’attenzione attorno al caso B. dal 2 settembre in poi è stata altissima. Ad alimentarla ci hanno pensato lo stesso Zangrillo e Berlusconi. Il primo, finito sulla graticola per aver dichiarato morto il virus, inizialmente aveva sminuito la gravità dell’infezione, provocando anche attrito tra i parenti del capo di Forza Italia; salvo poi dire il contrario, parlando di una carica virale tale che “a marzo sarebbe morto”. Il concetto è stato ribadito dallo stesso Berlusconi in conferenza stampa: “Era la carica virale più alta tra le decine di migliaia osservate al San Raffaele”. Un dato su cui Berlusconi aveva anche scherzato (“Sono sempre il numero uno”).

A colpire sicuramente il fatto che mentre anziani e giovani afflitti dal Covid non riuscivano ad uscire di casa, finivano perlopiù in terapia intensiva, l’anziano Berlusconi – in passato operato per un tumore alla prostata e per la sostituzione della valvola aortica – anziché stare a riposo assoluto era iperattivo: faceva politica in “smartworking” dall’ospedale, ad esempio telefonando il 9 settembre ai senatori di Fi e poi al comizio in Val D’Aosta invitando al voto. Seguiva al telefono la partita Mediaset-Vivendi-Tim.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Batterio-killer tra i neonati a Verona, provvedimento disciplinare anche per la direttrice dell’unità di Microbiologia

next
Articolo Successivo

Conte visita a sorpresa gli studenti a Norcia: “La scuola non è il luogo delle polemiche, ha bisogno del sostegno di tutti”

next