Beppe Grillo in campo per il Sì al taglio dei parlamentari. A una settimana esatta dal referendum sulla riforma costituzionale voluta e sostenuta del Movimento 5 stelle, il garante e fondatore ha deciso di pubblicare sul proprio blog un post “contro i dinosauri” che si sono schierati per il No. E rilanciando l’articolo sulla sua pagina Facebook ha scritto: “Il popolo italiano potrà riappropriarsi del proprio potere ricacciando nella foresta i dinosauri del Giurassico, destinati alla estinzione dalla cometa della riforma costituzionale. E’ ora di svecchiamento, modernizzazione e di maggiore consapevolezza sociale!”.

Solo ieri il Movimento 5 stelle è sceso in piazza con gazebo organizzati in tutta Italia per lanciare gli ultimi giorni di campagna per il Sì. Beppe Grillo, a Roma da venerdì scorso, secondo alcuni avrebbe dovuto partecipare al banchetto di Ostia insieme a Vito Crimi, ma alla fine ha deciso di non partecipare. Questa mattina è arrivato però il post in sostegno del taglio dei parlamentari a firma di Torquato Cardili dal titolo “Il ritorno dei dinosauri”. Il post parte proprio dallo spot diffuso in questi giorni sulle reti Rai per parlare del referendum del 20-21 settembre. “Più lo spot va avanti”, scrive Cardili, “e più si fanno vivi i vecchi dinosauri della reazione che escono dalla foresta in cui erano rintanati da decenni, o se volete le cariatidi dell’immobilismo della politica italiana, tutti intenti alla conservazione, alla difesa di privilegi anacronistici, all’opposizione preconcetta contro qualsiasi cosa che odori di svecchiamento, di modernizzazione, di maggiore consapevolezza sociale”.

Quindi l’articolo continua parlando delle motivazioni del fronte del No. Quelle “più gettonate per i sostenitori del No continuamente ripetute con luoghi comuni conditi di qualche falsità, sono la presunta ridotta rappresentatività politica e geografica, l’equiparazione con gli altri paesi usando dati manipolati e fuorvianti, il negato snellimento dell’iter legislativo, il rifiuto del risparmio sui costi della politica banalizzato al costo di un caffè per italiano”. Ma, scrive ancora Cardili, si tratta di “motivazioni che nascondono il vero obbiettivo: disarticolare il M5s e il governo, ed aprire il semaforo verde al ritorno al passato, alle leggi ad personam, in favore degli interessi occulti, contrari a quelli popolari”.

E, chiude Cardili rilanciato da Grillo, il referendum permetterà finalmente di “svecchiare il Parlamento”: “Restare ancorati al numero stabilito 40 anni fa non è una conquista né politica, né culturale, ma rappresenta una fossilizzazione della società. Tra due settimane, in coincidenza con la presa di Roma, il popolo italiano potrà riappropriarsi del proprio potere ricacciando nella foresta i dinosauri del Giurassico (i vari Casini, Giachetti, Bertinotti, Prodi, Parisi, Cirino Pomicino, Sisto, Napoli, Brunetta, Violante, Formigoni, Bonino, Zanda, Finocchiaro, Santanché, Orfini, Sgarbi, Rotondi, ecc.), destinati alla estinzione dalla cometa della riforma costituzionale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, M5s in piazza per il Vota Sì Day. La sardina Santori si presenta al comizio di Di Maio in Toscana con la maglietta per il No

next
Articolo Successivo

Referendum, Santori si presenta al comizio di Di Maio: “Dice che è voto contro il palazzo? A lui gli accordi di palazzo hanno garantito 4 poltrone”

next