La costa occidentale degli Stati Uniti non smette di bruciare. Il bilancio dei morti è salito a 30 e i paesaggi, dopo tre settimane di incendi, sono ormai spettrali. Gli Stati colpiti sono California, Washington e Oregon, e secondo quanto riporta la Bbc solo in quest’ultimo i dispersi sono decine. Proprio qui diversi residenti si sono rifiutati di obbedire all’ordine di evacuazione rimanendo a presidiare le strade e le loro case, armati di pistole e fucili, per paura dei saccheggi. Lo Stato, secondo un funzionario dei servizi di emergenza dovrebbe prepararsi ad un disastro “mortale di massa”. Di ora in ora l’aria si fa irrespirabile, mentre un fumo denso e rosso continua ad avvolgere non solo l’Oregon ma anche lo Stato della California.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Attiviste Femen irrompono al museo d’Orsay in topless: “Questo non è osceno”. La protesta dopo lo stop a una visitatrice “troppo scollata”

next