Il 29esimo giorno dopo le elezioni presidenziali, la Bielorussia è scesa nuovamente in piazza per manifestare la sua rabbia contro Alexander Lukashenko, ‘ultimo dittatore d’Europa’, e il suo governo. A Minsk, come sempre, l’onda è stata più corposa. Oltre 100mila persone, stando a Interfax. Nella capitale, nonostante il maltempo, i cittadini hanno sfilato per ore nelle strade del centro, presidiato dagli agenti della polizia e dalle truppe del ministero dell’Interno, in tenuta antisommossa.

E poi blindati, cannoni ad acqua, camion e filo spinato. Un muro d’acciaio invalicabile che ha bloccato i manifestanti, come la settimana scorsa, e ha impedito loro di raggiungere palazzo Indipendenza, residenza di Lukashenko. Il clima è stato gioioso e pacifico, in un tripudio di bandiere bianco-rosse, simbolo dell’opposizione. Questo naturalmente non ha evitato i fermi, a volte persino brutali, da parte delle forze dell’ordine. Almeno un centinaio, secondo il ministero dell’Interno.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sahel, finalmente le indagini hanno indicato i colpevoli dei massacri. Ma la verità è come la sabbia

next
Articolo Successivo

Bielorussia, in 100mila a Minsk per cacciare Lukashenko: in piazza slogan anti-Putin. Sparita l’oppositrice Kolesnikova

next