“Quelli del ‘no’ sostengono che non serve tagliare i parlamentari, ma che bisogna tagliare gli stipendi. Bene, sono otto anni che noi lo stiamo facendo e che chiediamo di farlo anche agli altri. Vi propongo un patto: votiamo “sì” al referendum del 20-21 e dal 22 tagliamo pure lo stipendio dei parlamentari”. Così, in diretta su Facebook, il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che ha voluto rispondere ad alcune argomentazioni di chi è contrario alla riduzione degli eletti alla Camera e al Senato. “Non ci vuole molto”, ha aggiunto Di Maio, “è sufficiente una delibera dell’Ufficio di presidenza, non serve una legge”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte: “Proposi Draghi come presidente della Commissione europea ma si rifiutò. Lui al mio posto? Non è un rivale, lo tirano per la giacca”

next