di Giorgio De Girolamo

Non siamo politici né giornalisti. Parliamo e scriviamo pubblicamente, forse soltanto per un comune “senso di utopia” (Gianni Rodari): perché siamo convinti, felicemente accompagnati dalla “migliore scienza” in circolazione, che la più grave minaccia per l’umanità, e solo causalmente anche per il nostro tempo, sia la crisi climatica. Noi non siamo giornalisti, ma Antonio Gurrado, raffinata penna de Il Foglio, purtroppo lo è.

E diciamo “purtroppo” perché riteniamo che un giornalista, in quanto protagonista di una pagina bianca da riempire a suo piacimento (cartacea o virtuale che sia), debba almeno tentare, per rispetto di chi lo legge, di rispettare la verità dei fatti. E dire, come ha fatto lo scorso 19 agosto sulle pagine del suo giornale, che “Greta Thunberg non è servita a niente”, che i Fridays For Future non fanno altro che “bigiare la scuola”, e che se ad oggi scarseggiano risposte politiche alla crisi climatica è solo perché “negli ultimi sei mesi i grandi della terra hanno avuto altro a cui pensare”, è stravolgere la realtà dei fatti attraverso “pensieri di pancia”.

Significa ignorare, tra le moltissime cose, sia i risultati conseguiti finora (sempre maggiore sensibilità verso la crisi climatica; approvazione di un, seppur insufficiente, Green New Deal europeo; inizio di un disinvestimento dai combustibili fossili da parte di molti grandi istituti bancari ecc.) sia le cause e le contraddizioni messe in luce dalla stessa pandemia di Covid-19 (vedi anche soltanto le zoonosi dovute ai cosiddetti salti di specie), da ricercare, come molte autorevoli voci sostengono, nel complesso e difficile rapporto tra l’uomo e il circostante (in latino ambiens, da cui ambiente).

Oltre, da ultimo, al noto monito dell’Ipcc (il principale organismo internazionale per la valutazione dei cambiamenti climatici) che ha ridotto a circa 7 anni il tempo massimo per scongiurare un aumento della temperatura media globale superiore ad 1,5°C: il cosiddetto “punto di non ritorno”.

Fridays For Future, forse Antonio Gurrado non lo sa (succede spesso a chi si ritira nelle roccaforti dell’intolleranza negativa), non fa né ricerca scientifica né ambisce a costruire complesse soluzioni politiche. Fridays For Future, con i suoi giovani di ogni età e (im)preparazione alla vita, può soltanto mettere in luce le contraddizioni su cui si fonda l’ottimismo neo-liberista e il sogno diffuso di una crescita senza limiti. Punto. Lasciando alla storia il potere di sciogliere ogni nodo, o di abbandonare la fune ad un mare sempre più agitato da segrete correnti. Reazionarie, oseremmo definirle. Correnti che magari, tra i più svariati interessi, sospingono anche quelli della nostra raffinata penna de Il Foglio. Che quando sparla di Greta e dei Fridays For Future, forse poi così ingenuo e innocente non è. E tira acqua al suo mulino, come troppi, troppi, troppi altri suoi complici.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Emergenza climatica, Daniele sciopera per mostrare l’ipocrisia della politica sui temi ambientali. E lo fa per tutti noi

next