“Ho avuto il coronavirus, non riuscivo a stare in piedi, mi mancava il respiro. Tutto questo non era una messinscena“. Monsignor Calogero Peri, vescovo di Caltagirone, ad aprile è stato ricoverato per coronavirus: giorni e giorni di febbre alta, gli antibiotici, poi la lunga fisioterapia. Oggi si rivolge ai negazionisti che vogliono scendere in piazza il prossimo 5 settembre: “Fanno tristezza le loro discussioni dei negazionisti – commenta – si è arrivati a negare la Shoah, ora quasi non mi stupisce si arrivi a negare il coronavirus. Ma il punto è che da questi negazionisti non ho visto argomentazioni e si finisce per offendere la dignità di chi ha pagato il prezzo più alto e ci ha rimesso le penne”.

“Un tempo c’era l’evidenza, oggi c’è l’opinione e non ci si misura con più con la realtà. Non mi meraviglio culturalmente che si neghi tutto e il contrario di tutto”, sostiene, e poi aggiunge: “Nessuno augura loro un’esperienza drammatica, ma servono argomenti, ragionamenti, esperienze, dati. La polmonite interstiziale è una realtà, come lo sono gli intubati per Covid”. Definisce “folklore” l’idea di manifestare contro le regole anti-contagio e “diatribe becere da talk show” le loro manifestazioni: già a Berlino e a Londra ci sono stati cortei di negazionisti, e ora è in programma un’analoga manifestazione nella Capitale. “Sono in gioco le nostre vite, la società”, osserva il vescovo, che si chiede: “Siamo pronti nel caso arrivasse una seconda ondata?”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon ottiene il via libera per far volare i suoi droni di Prime Air negli Usa: passo decisivo verso la rivoluzione nelle consegne

next