A due settimane dal rientro a scuola, si definiscono più nel dettaglio le strategie per fare lezione in sicurezza: distanze, mascherine, ingressi. E cosa fare nell’eventualità di un contagio. “In caso di una positività di un alunno – ha spiegato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri ad Agorà – la quarantena per la classe è un possibilità, ma si preferirà un tampone a tutti per un ritorno più veloce a scuola“.

Oggi anche Massimo Galli, responsabile di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, è intervenuto sulla ripresa delle lezioni in un’intervista al Messaggero: “Mi pare sacrosanto: dobbiamo riaprire le scuole, non gli stadi“, ha detto, spiegando che la presenza di pubblico negli impianti sportivi potrebbe generare gli stessi effetti osservati nelle discoteche. Per quanto riguarda i tempi, ha aggiunto: “Non sarei stato scandalizzato e non lo avrei ritenuto un fallimento se le scuole avessero aperto solo il primo ottobre, In una situazione in cui tutto fosse stato sistemato a dovere”. Appena sette giorni dopo la prima campanella, infatti, le elezioni imporranno un nuovo stop. “Se devi aprire le scuole per poi chiuderle per le elezioni, le devi pulire e poi riaprire… Insomma, valeva la pena aspettare“.

Ma la sua preoccupazione maggiore, spiega, è garantire il distanziamento. “Bisognerebbe valutare sistemi alternativi, magari a rotazione fare lezione da remoto per un terzo degli scolari di una classe. Infine, avremmo bisogno di più test e presenza sanitaria nelle scuole”. Un altro nodo è la misurazione della febbre: “Farlo a casa mi lascia perplesso”. Poi c’è l’incognita influenza stagionale: “Avremo problemi quando cominceranno a esserci tutte le altre infezioni alle vie respiratorie, non mi è chiaro cosa succederà nelle varie regioni per il vaccino anti influenzale rivolto a bambini e ragazzi”. Quanto alla possibilità di fare più tamponi agli studenti, Galli spiega: “Noi stiamo studiando un sistema che velocizza i tempi: prelievo della saliva per gruppi, per classi, in modo da velocizzare i test. Se in una classe emergono tracce di coronavirus, allora si fanno i tamponi ai singoli studenti di quella classe. Si chiama pooling, ci stiamo lavorando”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, violento nubifragio si abbatte su Ancona. Alberi caduti e allagamenti sul litorale marchigiano

next
Articolo Successivo

Bagnante in difficoltà nella acque di Genova: l’intervento dei vigili del fuoco è spettacolare. Il video

next