Si chiama come una femminista anarchica francese, batte bandiera tedesca ed è interamente dipinta di rosa shocking. È la nave Louise Michel, finanziata dall’artista Banksy per il soccorso dei migranti nel Mediterraneo: oggi ha recuperato 89 persone da un barcone in difficoltà, tra cui 14 donne 4 bambini, e sta cercando un porto sicuro dove attraccare per sbarcare le persone a terra.

La storia è stata raccontata dal Guardian: la nave è partita in segreto il 18 agosto dal porto spagnolo di Burriana, vicino Valencia e ora si trova nel mar Mediterraneo centrale. Banksy ha finanziato l’acquisto della barca nel 2019, offrendo il denaro a Pia Klemp, ex capitana di varie barche ong per il salvataggio dei migranti: “Ho letto la tua storia sui giornali – le ha scritto l’artista senza volto – Sembri una tipa tosta, io ho lavorato sulla crisi dei migranti e non posso tenere questi soldi. Vorresti usarli per una nuova barca o qualcosa del genere? Ottimo lavoro, comunque”.

La comandante ha inizialmente pensato a uno scherzo, ma era tutto vero: l’equipaggio è composto da attivisti con alle spalle anni di esperienza in operazioni di salvataggio. L’imbarcazione è un vecchio mezzo della Guardia costiere francese lunga 31 metri: più piccolo, ma decisamente più veloce, delle altre navi a disposizione delle Ong. Una “motovedetta civile”, che spicca per il suo colore tra le onde e tra le altre imbarcazioni. E il writer più famoso (e più misterioso) del mondo ci ha messo la firma, dipingendo su un fianco una bambina con un giubbotto di salvataggio che si aggrappa a un salvagente a forma di cuore.

Immagine in evidenza tratta dal sito M V Louise Michel

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, stretta sulle misure anti-Covid: multe per chi viola l’obbligo di mascherina, niente grandi eventi fino a fine anno

next
Articolo Successivo

Tunisia: storia di Yousif, morto a tre anni. Una vita passata a vagare in Nord Africa per entrare in Europa

next