A gennaio intorno alla proposta era scoppiato un caso, con il governo finlandese costretto a smentire che l’obiettivo di ridurre la giornata lavorativa a sei ore fosse nel programma della giovane premier Sanna Marin. Ma ora la prima ministra socialdemocratica, 35 anni, rilancia: occorre “una concreta e chiara roadmap” per accorciare l’orario di lavoro e migliorare la vita lavorativa in Finlandia, ha detto lunedì parlando al congresso del partito.

Secondo Helsinki Times, Marin ha spiegato che la proposta “non è in conflitto con l’obiettivo di avere maggiore occupazione e robusta economia pubblica“. Infatti “un modo per distribuire più equamente la ricchezza è migliorare le condizioni di lavoro e ridurre le ore, in modo che ciò non danneggi i livelli di reddito. Quando la Finlandia è passata alla giornata lavorativa di otto ore e a cinque giorni a settimana, come da obiettivi dei socialdemocratici, ciò non ha portato al collasso dei salari, che nei decenni sono invece aumentati”, ha proseguito, sottolineando che studi ed esperimenti dimostrano che ridurre le ore lavorative migliora la produttività, rendendo così possibile il passaggio da otto a sei ore senza cambiamenti nella paga.

“E’ ovvio che ci saranno delle sfide da affrontare, ma questo non vuol dire che non dobbiamo porre obiettivi importanti”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tagliare il costo del lavoro per spingere la crescita? “Ricetta sbagliata, solo con salari alti un Paese diventa più produttivo”

next