“Un nuovo statuto dei lavoratori che metta il lavoro al riparo dalle distorsioni generate dalla flessibilità, dalla precarietà e dalla deregulation e ora, nella stagione del Covid, dalla diffusione generalizzata del lavoro da remoto, lo smart working che è entrato nel nostro linguaggio e nella nostra organizzazione di vita quotidiana perché lo ‘Smart working’ non può eliminare limiti orario e stravolgere garanzie salariali”.

Questo il pensiero espresso dal segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, nel corso di un dibattito al Meeting di Comunizione e Liberazione a Rimini. “Se uno usa lo smart working per raccontarmi che non c’è più l’orario, non ci sono più le maggiorazioni, che non ci sono più gli straordinari, allora io ribatto che mi sta prendendo in giro. Tutte queste cose – ha aggiunto Landini – possono continuare ad esistere ma vanno ri-regolarizzate. Siccome la stessa persona dovrà lavorare in determinate condizioni, il problema è mettere la persona nelle condizioni di poter avere quella libertà e quell’autonomia nel lavoro che gli permetta di raggiungere dei risultati, ma anche di poter essere pagato per quello che fa e nella nuova misura in cui la fa. Per questo penso che i contratti nazionali di lavoro siano importanti”.

E qui Landini accenna all’associazione degli industriali italiani “Nella sanità privata il contratto è scaduto da 12 anni, c’era già una pre-intesa, poi Confindustria ha deciso di non firmarlo. Mesi fa dicevamo che erano i nuovi eroi, adesso si sono già scordati tutti – e lancia due proposte, la prima – adesso si parla di forme di decontribuzione varia, perché non colleghiamo due cose: io decontribuisco ma tu se obbligato a applicare i contratti di lavoro nazionali con minimi salariali, ferie, turni ecc. Altrimenti ti tolgo i soldi che ti ho dato – e poi la se conta proposta – una legge che stabilisce che tutte le persone che lavorano devono avere gli stessi diritti e le stesse tutele anche se non sono lavoratori subordinati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Con lo smartworking Milano non conviene. Al Sud ho la famiglia e abbatto le spese”. Le storie di chi ha lasciato il Nord e pensa di non tornarci

next
Articolo Successivo

Tagliare il costo del lavoro per spingere la crescita? “Ricetta sbagliata, solo con salari alti un Paese diventa più produttivo”

next