La notizia arriva dalla Cina, ma non trova alcun riscontro ufficiale. La fonte è Chang Song-min, uno dei collaboratori dell’ex presidente Kim Dae-jung, che al quotidiano di Seul Korea Herald rivela che il leader di Pyongyang Kim Jong-un sarebbe in coma. Una situazione che ha portato alla delega di alcuni dei suoi poteri alla sorella Kim Yo-jong, “ombra” del fratello durante gli incontri internazionali che dal 2018 ha acquisito maggiore visibilità e rilievo all’interno del regime. L’ipotesi, però, al momento non trova al momento riscontri ufficiali, dopo i rumors che già in passato avevano dato il dittatore per morto o in condizioni gravissime dopo essere stato contagiato dal coronavirus.

Chang ha detto di essere convinto che Kim sia “in coma, ma che non sia ancora morto: la successione non è stata ancora completata, quindi Kim Yo-jong viene portata alla ribalta perché non ci può essere un vuoto di potere prolungato”. E ha aggiunto che “nessun leader nordcoreano affiderebbe alcuno dei suoi poteri a un’altra persona a meno che non sia troppo malato per governare o non sia stato rimosso con un colpo di stato”.

Nell’incontro a porte chiuse in parlamento tenuto venerdì, il Nis, l’intelligence di Seul, aveva fatto sapere che il passaggio di alcuni poteri dal leader alla sorella era stato deciso per “alleviarne lo stress”. Kim Yo-jong, primo vicedirettore del dipartimento del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori, è ora a capo “degli affari generali dello Stato sulla base della delega” affidatagli, secondo la Yonhap. Il Nis aveva rimarcato che l’iniziativa non risultava però essere legata alla salute del leader supremo.

I precedenti – I timori sulle condizioni di salute precaria di Kim sono ricorrenti: ad aprile, ad esempio, si erano rincorse le voci su un intervento chirurgico d’urgenza per problemi cardiaci che avevano messo a rischio la sua vita, tanto che erano circolate speculazioni sul suo decesso. Il leader, invece, ricomparve nei media nordcoreane a causa dell’inaugurazione del primo maggio di un nuovo impianto di fertilizzanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Niger, ci si abitua a tutto qui: ai morti in mare, ai colpi di Stato. Non alla pioggia

next