Nonostante il divieto e un massiccio dispiegamento delle forze di polizia, oltre 100mila manifestanti sono scesi per le strade della capitale Minsk contro il presidente Alexander Lukashenko, la cui rielezione il 9 agosto scorso non è stata riconosciuta dall’Unione europea come legittima. L’opposizione continua a chiederne da oltre 15 giorni le dimissioni. Nelle ultime manifestazioni sono morte almeno quattro persone e i dimostranti denunciano di subire torture in carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump, via libera al plasma per malati Covid. Financial Times: “Punta a usare il vaccino prima delle elezioni”

next
Articolo Successivo

Niger, ci si abitua a tutto qui: ai morti in mare, ai colpi di Stato. Non alla pioggia

next