Non bastavano le bottiglie, le buste di plastica, i bastoncini cotonati per la pulizia delle orecchie o gli pneumatici. Le conseguenze della pandemia si riflettono anche su oceani e mare: a inquinarli ci sono anche i guanti e le mascherine, che ineluttabilmente finiscono nelle reti da pesca. Un danno ambientale ma anche per le attività marittime, denunciato da Fedagripesca Confcooperative che ha raccolto le segnalazioni dei pescatori lungo le coste italiane. “È impressionante la quantità di mascherine e guanti che porto a terra con le mie reti”, racconta all’Ansa Pietro, pescatore del Tirreno. “Va trovata una soluzione – osserva – perché così non possiamo andare avanti”.

Difficile, al momento, fare un bilancio dell’impatto ambientale, ma è certo che i dispositivi di protezione individuale lasciati galleggiare in acqua stanno peggiorando una situazione già allarmante per i mari italiani dove, ogni anno, ricorda Fedagripesca, già finiscono 8 milioni di tonnellate di plastica. In Thailandia, intanto, c’è già chi ricava mascherine proprio dal riciclo delle reti da pesca, uno dei rifiuti più diffusi negli oceani. Un’idea che potrebbe prendere piede anche in Italia dove i pescatori già da anni sono impegnati nella raccolta delle plastica in mare e nel recupero degli attrezzi ‘fantasma’, quelli dispersi accidentalmente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’orso M49 si libera dal collare elettronico per la geolocalizzazione: ora è di nuovo ricercato

next
Articolo Successivo

Maltempo in Alto Adige: il timelapse di un temporale su Bolzano. Il risultato è maestoso

next