È il 25 giugno. Dall’isola di Gorgona, a 34 chilometri da Livorno, 85 animali strappati dalla macellazione stanno per essere imbarcati per raggiungere la terraferma, dove continueranno a essere accuditi. È il progetto “Arca della Libertà”, i cui protagonisti sono i detenuti del carcere dell’isola insieme all’associazione Lav (Lega anti vivisezione), che si occupa della crescita e dell’adozione di maiali, pecore e galline salvati dal mattatoio chiuso lo scorso gennaio. Ora la storia è finita in un reportage del Guardian. Nel video della Lav, invece, il racconto della “fucina” di Gorgona, “dove si rispettano i diritti degli umani e degli animali e si mette in pratica il mondo che vorremmo per il nostro futuro”. Nel filmato, anche l’inizio del trasferimento degli animali, le cui motivazioni sono raccontate tra gli altri da alcuni reclusi del penitenziario, dal presidente della Lav Gianluca Felicetti e dal direttore del penitenziario Carlo Mazzerbo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Koni Steffen, quando parlate di riscaldamento globale pensate a scienziati come lui

next
Articolo Successivo

Mauritius, la petroliera giapponese incagliata sulla barriera corallina sta per spezzarsi

next