Immobile, impietrito, in apnea. Sono istanti. Cede sulle quattro zampe e crolla malamente. La situazione precipita. Chi lo guida, lo conosce. Per un paio di volte l’invoca: ‘Zio’, ‘Zio’. Comprende bene cosa stia accadendo: stacca le cinghie e sblocca subito i fermi della botticella. È libero adesso. Recluta le ultime forze e si adagia su di un lato.

Il cavallo è agonizzante. Steso sul selciato del Parco Reale della Reggia di Casera. La pelle è tesa, la muscolatura a tratti si contrae, il respiro è ansimante, bava mista a schiuma fuoriesce dalla bocca, gli occhi iniettati di sangue per un attimo sono fissi e spalancati, forse un ultimo disperato saluto, poi si chiudono e mai più si riapriranno.

Una morte consumata sotto lo sguardo atterrito di turisti, famiglie e bambini.

Immagini choc che in pochi minuti via social fanno il giro del mondo e sollevato un nugolo di accese polemiche. La domanda: è giusto, legittimo ancora nel 2020, in piena estate a 50 gradi di temperatura percepita nei parchi, nelle regge monumentali, nei centri storici delle città d’arte, consentire agli animali da traino di trasportare i turisti sulle carrozzelle? Quegli animali obbligati ad andare su e giù, salite, discese, a galoppo e trascinarsi pesanti carrozzelle non è una forma di estrema crudeltà? E’ giusto fermare tutto? E’ plausibile mandare a quel paese una tradizione secolare?

L’Enpa, l’ente nazionale di protezione animale, va oltre e sollecita – senza se e senza ma – al governo di sbloccare il disegno di legge che cancella il servizio a trazione animale. Per la verità il lavoro è quasi al capolinea: c’è un testo chiaro ed approvato in Commissione trasporti lo scorso 9 luglio 2019. Ci sono, insomma, tutte le condizioni – si augura l’Enpa – affinché il Parlamento dia una sterzata approvando una legge che sia sinonimo di un cambiamento di grande portata etica e culturale. Perché alla fine di questo si tratta: proteggere gli animali, dar vita a una nuova cultura e affermare una etica diversa.

Tecnicamente si tratterebbe di abrogare l’articolo 70 del codice della strada e delle disposizioni della legge. Un tratto di penna così da mettere fine alla sofferenza dei cavalli.

Non è esagerato parlare di sofferenza: associazioni, veterinari, concordano da tempo. Non è più accettabile anche alla luce delle ormai accreditate conoscenze scientifiche ed etologiche che dimostrano senza ombra di dubbio che gli animali soffrono e patiscono esattamente come gli uomini.

Tornando alla Reggia di Caserta si è scoperto che il titolare dell’autorizzazione amministrativa della carrozza circolava abusivamente, infatti, ‘Zio’ era un cavallo diverso da quello comunicato al Comune e all’Asl. La carcassa del cavallo è sotto sequestro e in attesa degli esiti dell’autopsia disposta dal magistrato. Il sindaco di Caserta, Carlo Marino ha attivato tutte le procedure per la revoca delle autorizzazioni amministrative, infatti, il primo regolamento disatteso è proprio quello sul benessere degli animali che l’amministrazione comunale ha approvato negli anni scorsi e che ha dedicato un intero capitolo proprio agli equini.

La forza, il clamore e la pietà di quelle immagini adesso interrogano proprio tutti. Gli animali, tutti, hanno dei diritti e le riflessioni e il dibattito lo si potrebbe estendere anche agli zoo e al circhi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vigilante preso in ostaggio nel Duomo di Milano, l’arrestato era stato licenziato ed era senza casa

next
Articolo Successivo

Ferragosto, dalle discoteche ai falò in spiaggia: cosa si può fare e cosa no

next