Inviti e locandine stampati, annunci sulle bacheche Facebook, deejay e personale supplementare già ingaggiati. E migliaia di giovani pronti a fare il pienone di musica per il giorno di Ferragosto. Dopo il caos delle scorse ore, quando era emerso che il 31 luglio era scaduto il provvedimento che consentiva l’apertura di discoteche e locali notturni, è arrivata in serata l’ordinanza della Regione Sardegna che “salva” la movida estiva sull’isola, consentendo l’attività delle sale da ballo all’aperto fino al 31 agosto.

Supportato dal parere del Comitato tecnico scientifico e rafforzato da un ordine del giorno approvato martedì sera all’unanimità dal Consiglio regionale, il presidente Christian Solinas ha autorizzato l’apertura delle discoteche ma con ulteriori avvertenze per i gestori. Dovranno essere infatti garantiti percorsi differenziati per l’ingresso e le uscite, che consentano il mantenimento delle distanze di sicurezza durante la fila, eseguita la misurazione della temperatura corporea all’ingresso, igienizzate costantemente le superfici con le quali entrano in contatto gli avventori, utilizzati dispositivi monouso per la somministrazione di alimenti e bevande. Inoltre, gli accessi al locale non potranno superare il 70% della capienza autorizzata nella licenza e i gestori dovranno comunicare al Corpo Forestale competente per territorio il programma delle serate, con i rispettivi orari di inizio e conclusione, con cadenza almeno settimanale, e le forze dell’ordine verificheranno il rispetto di queste norme.

L’ordinanza è arrivata dopo che nelle scorse ore ci si è accorti di come il precedente provvedimento della Regione che apriva le discoteche fosse scaduto il 31 luglio: non essendo stato rinnovato, valevano le regole nazionali. E secondo l’ultimo decreto della presidenza del consiglio dei ministri i locali non dovrebbero riaprire fino al 7 settembre, ma la norma lascia la possibilità alle singole regioni, “in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori”, di “stabilire una diversa data di ripresa delle attività”. Una situazione che ha gettato nel panico i gestori e gli organizzatori delle serate, ma anche i tantissimi giovani in vacanza sull’isola proprio in questa settimana di Ferragosto, che si sono visti per un attimo sfumare tutti gli eventi già organizzati, con ospiti del calibro di Bob Sinclar.

In realtà nell’isola l’aumento dei contagi aveva già spinto alcuni sindaci a una stretta alla movida, firmando quindi proprie ordinanze di chiusura delle discoteche con divieti anche sulla somministrazione di alcolici dopo mezzanotte. Come a Carloforte, comune dell’isola di San Pietro, sulla costa sud occidentale, dove, dopo i primi casi positivi tra i ragazzi che avevano frequentato discoteche e feste private, una cinquantina di persone sono in isolamento domiciliare e il primo cittadino ha deciso di procedere con tamponi a tappeto: oltre 400 quelli effettuati finora.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cuneo, fuoristrada in una scarpata: morti cinque ragazzi tra i 14 e i 24 anni. Erano in nove su un mezzo da sei. Il sindaco: “Persi metà dei nostri giovani, forse sarebbe bastato un cartello”

next