I nomi dei politici che hanno chiesto e ottenuto il bonus di 600 euro possono essere resi pubblici, come chiarito martedì dalla stessa authority che vigila sulla privacy. Altra cosa, però, è la diffusione di notizie non circostanziate seguita dal balletto su quali siano i partiti di appartenenza dei deputati coinvolti. Per questo il Garante per la protezione dei dati personali questa mattina ha inviato una richiesta di informazioni all’Inps e ha aperto una istruttoria sulla metodologia seguita dall’Istituto rispetto al trattamento dei dati dei beneficiari e alle notizie diffuse al riguardo.

Il Garante chiede all’Inps di conoscere, in particolare, quale sia la base giuridica del trattamento effettuato sui dati personali dei soggetti interessati, l’origine e tipi di dati personali trattati, riferiti alla carica di parlamentare e amministratore locale e regionale, le modalità con cui è stato effettuato il trattamento, con specifico riguardo all’operazione di “raffronto” dei dati personali dei soggetti richiedenti o beneficiari del bonus, con quelli riferiti alla carica di parlamentare e amministratore locale e regionale. Infine l’ambito del trattamento ed eventuali comunicazioni a terzi di tali dati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio dei parlamentari: vi spiego perché al referendum voterò Sì, decisamente Sì

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “test prima di tornare in Italia o obbligo di tampone entro 72 ore dall’arrivo”: l’idea del governo per frenare i ‘casi di rientro’

next