I nomi dei politici che hanno chiesto e ottenuto il bonus di 600 euro possono essere resi pubblici, come chiarito martedì dalla stessa authority che vigila sulla privacy. Altra cosa, però, è la diffusione di notizie non circostanziate seguita dal balletto su quali siano i partiti di appartenenza dei deputati coinvolti. Per questo il Garante per la protezione dei dati personali questa mattina ha inviato una richiesta di informazioni all’Inps e ha aperto una istruttoria sulla metodologia seguita dall’Istituto rispetto al trattamento dei dati dei beneficiari e alle notizie diffuse al riguardo.

Il Garante chiede all’Inps di conoscere, in particolare, quale sia la base giuridica del trattamento effettuato sui dati personali dei soggetti interessati, l’origine e tipi di dati personali trattati, riferiti alla carica di parlamentare e amministratore locale e regionale, le modalità con cui è stato effettuato il trattamento, con specifico riguardo all’operazione di “raffronto” dei dati personali dei soggetti richiedenti o beneficiari del bonus, con quelli riferiti alla carica di parlamentare e amministratore locale e regionale. Infine l’ambito del trattamento ed eventuali comunicazioni a terzi di tali dati.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio dei parlamentari: vi spiego perché al referendum voterò Sì, decisamente Sì

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “test prima di tornare in Italia o obbligo di tampone entro 72 ore dall’arrivo”: l’idea del governo per frenare i ‘casi di rientro’

next